«PROMUOVERE LA DIETA MEDITERRANEA TRA I PIÙ GIOVANI»

 

«Nell’epoca del cibo spazzatura, consumato soprattutto dalle fasce della popolazione più giovani, è un dovere tutelare e promuovere la dieta mediterranea che tutti gli studi scientifici indicano come essenziale per una vita sana e longeva». E’ quanto dichiara il consigliere del Pd, Vincenzo Robortella, in merito a una proposta di legge sugli “Interventi per il riconoscimento e la valorizzazione della dieta mediterranea” che ha ricevuto parere positivo nell’ultima seduta della quarta Commissione consiliare. «Gli obiettivi principali della proposta – prosegue il consigliere – sono due:  da un lato garantire in particolare ai più giovani una dieta sana, intervenendo sugli appalti per le mense scolastiche con punteggi bonus per le ditte che forniscono alimenti legati alla dieta mediterranea mentre dall’altro si vuole valorizzare le nostre produzioni per la loro qualità, in un periodo di globalizzazione dei mercati che premiano i prezzi bassi a discapito dell’eccellenza delle produzioni. Parliamo inoltre di incentivare e sostenere le produzioni a chilometro zero, con notevoli riduzioni sui costi e sulla riduzione delle emissioni nocive a causa dei trasporti». «Non è un caso – dice ancora Robortella – che questo regime alimentare sia stato riconosciuto nel 2010 dall’Unesco patrimonio culturale immateriale dell’umanità, proprio in ragione dei numerosi benefici che derivano dal consumo di olio d’oliva, pane, pasta, legumi, frutta e verdure. Una maggiore attenzione da parte di tutti noi a questo argomento significa garantire una vita più sana per tutti i lucani, diffondendo le giuste informazioni con l’obiettivo di contrastare quei regimi alimentari che alla lunga risultano dannosi».