NIENTE SVILUPPI NEL PROCESSO INCENERITORE FENICE

Nuova udienza, questa mattina, nell’ambito delle vicende giudiziarie riguardanti l’inceneritore Fenice, sito in San Nicola di Melfi. A processo per concorso in truffa aggravata gli imputati Vincenzo Sigillito, ex direttore dell’Arpab, Claudio Dresda, Luigi Montalbano, Tempor S.p.a, Giancarlo Grano, Domenico Antonio Iacobuzio, Bruno Bove, Ferruccio Frittella, Salvatore Lambiase, Domenico Antonio Santoro, Francesco Pesce, Mirco Maritano, Giorgina Negro, Norberto Zambellini, Giovanni De Paoli e Vincenzo Grassia. Molte anche le parti civili: Comune di Melfi, Comitato diritto alla salute di Lavello, WWF, Comune di Lavello, Comune di Rionero in Vulture, Fiom CGIL di Basilicata, Regione Basilicata, Provincia di Potenza, Lega Ambiente Basilicata Onlus. Erano previste le testimonianze di numerosi testi, nonché l’esame degli imputati De Paoli e Grassia. L’udienza si è soffermata su questioni tecniche processuali, affrontate le quali il Presidente del Collegio, Gubitosi, ha rinviato il processo al 25 gennaio 2017, data per la quale è prevista un’udienza fiume, dato il numero delle persone che verranno sentite.