“PROGETTO ACCOGLIENZA” PER LE FESTIVITÀ NATALIZIE

I “professionisti dell’ospitalità” si preparano in queste festività natalizie e di fine anno all’arrivo in albergo di un numero maggiore di clienti rilanciando il “Progetto Accoglienza”. E’ stata l’assemblea annuale dell’Ada (Associazione direttori d’albergo) ieri a Viggiano ad approfondire gli aspetti che riguardano innanzitutto la crescita qualitativa dei servizi. Promuovere i valori e la crescita professionale, culturale e civile dei propri associati, con uno sguardo sempre attento al progresso scientifico e tecnologico, alla ricerca e allo sviluppo del territorio – hanno sottolineato Michele Tropiano e Donatello David, presidente e vice presidente Ada – è la mission che, da sempre, caratterizza l’Associazione Direttori di Albergo e che si propone di perseguire mediante un confronto e uno scambio costante di informazioni tra tutti i protagonisti dell’ospitalità alberghiera. La caratteristica fondamentale dell’associazione è quella di trasmettere a ciascun operatore dei servizi turistico-ricettivo, attraverso la cultura dell’ospitalità, competenze e capacità operative tali da consentirgli di realizzare soluzioni innovative ed adeguante ai bisogni dei propri ospiti. La “cultura del servizio di ospitalità” rappresenta l’ancoraggio principale su cui sviluppare percorsi formativi finalizzati a promuovere un profilo armonico ed integrato di competenze scientifiche, tecniche ed operative. In questo quadro il direttore d’albergo assume il profilo di una persona competente e umile che, oltre a sapere e saper fare, deve “saper essere”.  Queste festività – hanno evidenziato i dirigenti dell’Ada – soprattutto a Potenza e in provincia grazie all’evento del Capodanno in diretta Rai da Potenza sono un’opportunità per agganciare il “carro” dei turisti che scelgono Matera che si conferma tra le località di maggiore attrazione. L’effetto “Matera” sulla Basilicata turistica può prodursi pienamente solo con un salto di qualità organizzativo del sistema di offerta di itinerari, percorsi, motivi di interesse e dunque dal protagonismo dei privati e degli attori pubblici locali. Inoltre, la conquista nell’anno che sta per finire del primato mondiale tra gli utenti di TripAdvisor (considerato il primo motore di ricerca per prenotazioni alberghiere e ristorazione) del titolo italiano di migliore hotel per famiglie al mondo è motivo di orgoglio per l’Ada. Tenuto conto che ogni hotel ha un suo brand, la qualità dei servizi insieme a quelli specifici per famiglie come per altri target (anziani, giovani, single, comitive) – affermano i dirigenti dell’Ada – è la ragione principale del successo dei nostri alberghi piccoli o grandi che siano, a conduzione familiare o manageriale.  Tropiano infine sottolinea che «i dati sul Natale sono positivi con strutture in Val d’agri già al pieno delle prenotazioni, ma è presto per dare dei numeri, anche perché sotto le feste c’è tanto last minute. Si può dire però che sia nel 2016 e sia per fine anno sono in crescita i turisti delle regioni più vicine, le famiglie e le comitive, i nostri ospiti più affezionati».